Piene d’Olona

Le grandi piene al ponte di Pre in confine fra i Comuni di Varese e di Malnate si valutavano a 30 m cubici al secondo, ma certamente devono essere superiori a questa cifra

In Milano quando si progettò la deviazione del corso d’Olona si ritenne come portata massima 40 metri cubici.

Nel 1920 l’ingegnere Francesco Baj, incaricato dal Cotonificio Cantoni di studiare una sistemazione dell’Olona in Legnano, per evitare i gravi danni delle piene, dai dati raccolti in luogo, ammise per le grandi piene un deflusso di molto superiore ai 100 metri cubi.

L’Olona essendo alimentata soltanto da sorgenti e da acque meteoriche soffre grandi magre nei mesi di luglio, agosto, dicembre e gennaio e grandi piene in marzo, aprile, ottobre e novembre, ma essendo l’alveo d’Olona assai angusto nei periodi piovosi o per nubifragi le acque straripano in molti punti da Varese a Milano danneggiando spesse volte campi e opifici.

L. Mazzocchi, Dizionario del fiume Olona, Consorzio del fiume Olona, Parabiago, 2008, pag. 264.

© Copyright 2011 Olona fiume invisibile. Proudly powered by WordPress.-->
Up